GUARDA L’ESIBIZIONE DI BILLIE EILISH AI BRIT AWARDS 2020!

BILLIE EILISH AI BRIT AWARDS 2020

GUARDA LA PERFORMANCE LIVE DELLA CANZONE DEL NUOVO 007 AI BRIT AWARDS

Terminati i Brit Awards, rimangono le performance! Tra tutti gli Artisti saliti sul palco, l’esibizione più entusiasmante rimane quella di Billie Eilish! Tra i vincitori il cantautore scozzese Lewis Capaldi e il rapper londinese Dave hanno sbancato i Brit Awards 2020. Billie Eilish ha vinto il premio come miglior artista internazionale in una edizione dei Brit criticata per la scarsità di candidature femminili. Dave, 21 anni, ha vinto l’ambito riconoscimento come album dell’anno per “Psychodrama” e nel ricevere il premio ha esortato tutti i giovani britannici con grandi aspirazioni a perseguire i propri sogni: “Io non sono diverso da voi!” “Someone you loved” ha ricevuto il premio come canzone dell’anno e Capaldi ha vinto anche il premio per il miglior nuovo artista. Il rapper ‘grime’ Stormzy ha vinto  per la seconda volta il premio come artista maschile britannico dell’anno. Mabel, figlia d’arte della grande Neneh Cherry, è la cantante solista femminile britannica dell’anno. Arrivando ai Brit Awards Mabel ha detto che era come “chiudere un bel cerchio, esibirsi davanti al pubblico inglese 30 anni dopo la madre.

Quest’anno lo spettacolo, in passato nel mirino della stampa britannica per la sua prolissità e la messa in scena sconclusionata, è stato rinnovato. Diverse categorie di premi sono state tagliate per dare più spazio alle ‘performance’ degli artisti tra cui Capaldi, Mabel e Harry Styles. Lizzo ha scaldato il pubblico con la sua coinvolgente “Truth hurts”,  vincitrice dei un Grammy mentre Stormzy ha portato sul palco la cantante nigeriana Burna Boy e decine di comparse per un ‘medley’ dei suoi successi. Dave ha rapito il pubblico con una versione al piano di “Black” in cui ha accusato il primo ministro Boris Johnson di razzismo, messo in evidenza “la differenza di trattamento nelle news tra Kate e Meghan” e reso omaggio a Jack Merritt, il giovane ex detenuto impegnato nel programma di riabilitazione di lavori socialmente utili, ucciso a coltellate vicino al London Bridge l’anno scorso da un altro ex detenuto radicalizzato che aveva aiutato.