LA DIETA DEL DOPO LE FESTE

LA DIETA DEL DOPO LE FESTE.

PER PERDERE I CHILI FATE UNA GIORNATA DI SCARICO E POI DUE SETTIMANE CON IL LIMITE DI 1200 CALORIE. SBAGLIATO SALTARE I PASTI E LA PRIMA COLAZIONE.

Come ogni anno arriva la dieta del dopo le feste! In media si calcola che gli italiani ingrassino di circa 3 chili durante le feste. Per questo, dal 7 gennaio in poi la maggior parte delle persone si mette a dieta. Affidatevi sempre ad un nutrizionista o almeno seguire dei consigli medici. Intanto provate a partire così: una giornata di detox che prevede solo 850 chilocalorie per poi seguire un regime di 1200 chilocalorie a base di proteine e verdure.

la dieta del dopo le feste

Ecco la dieta del dopo le feste

LA DIETA DA FARE 1 GIORNO DA 850 CHILOCALORIE

Nei giorni immediatamente successivi alle feste, l’organismo ha bisogno di una sferzata. “La dieta di compenso – spiega Migliaccio – è una dieta che deve essere seguita solo il giorno dopo aver mangiato eccessivamente. E’ un regime alimentare strettamente ipocalorico che permette di ‘compensare’ uno strappo alimentare. Si può anche mangiare solo frutta ma dopo un periodo di grandi mangiate è più facile seguire un regime più completo”.

cosa mangiare a colazione

A colazione si possono mangiare 100 grammi di latte parzialmente scremato, caffè ed una fetta biscottata oppure tè a piacere con un cucchiaino di zucchero, due fette biscottate. “Per il pranzo la dieta prevede 80 grammi di tonno sott’olio sgocciolato oppure 60/70 grammi di formaggio light; pomodori o insalata o fagiolini a piacere e 40 grammi di pane”. A metà mattina e a metà bisogna fare uno spuntino con una mela, un cappuccino o un kiwi. Per la cena si può scegliere tra 130 grammi di petto di pollo o pesce; insalata verde mista o zucchine a piacere; un cucchiaino di olio extravergine di oliva e 40 grammi di pane.

LA DIETA DA 1200 CHILOCALORIE – COLAZIONE E SPUNTINI

Questa dieta si può seguire per una settimana o anche due a seconda dei chili che bisogna perdere. Sbagliato, però, iniziare una dieta saltando la prima colazione per ‘tagliare’ facilmente calorie.  “Durante le festività natalizie – afferma Lucia Bacciottini, docente di Nutraceutica e Nutrizione Integrata presso l’Università degli Studi di Firenze – si è soliti mangiare di più e, proprio per questo motivo, si deve avere un occhio di riguardo per il nostro corpo. Aspetto primario, per esempio, è non saltare la colazione magari facendo una ‘rotazione’, in modo tale da provare sempre qualcosa di nuovo. Chi ha bisogno di dimagrire, per esempio, può fare una colazione a base di ginger tea con limone, acqua calda e delle mele cotte al forno con aggiunta di cannella. Per chi punta alla tonicità, invece, suggerisco una spremuta d’arancia da accompagnare a 8 mandorle, mentre chi vuole provare un senso di rilassatezza l’ideale sarebbe una centrifuga a base di carote e tè verde”.

cosa mangiare a colazione

Nella dieta di base messa a punto dal nutrizionista Migliaccio per la colazione si può scegliere tra un bicchiere di latte parzialmente scremato (g 150); caffè; un cucchiaino di zucchero; due fette biscottate oppure g 20 di biscotti oppure g 20 di cereali. “Anche se si segue una dieta ipocalorica – precisa il nutrizionista – è fondamentale non saltare mai gli spuntini di metà mattina e pomeriggio: si può mangiare uno yogurt magro da g 125 anche alla frutta, un cappuccino con un cucchiaino di zucchero, un pacchetto di crackers da g 25 oppure un frutto di stagione.

la dieta del dopo le feste

Come provare a rimettersi in forma dopo le feste

LA DIETA DA 1200 CHILOCALORIE – PRANZO E CENA 

Il pranzo prevede essenzialmente proteine e verdure. “Si possono mangiare due uova, oppure 80 grammi di tonno sott’olio sgocciolato oppure 70 grammi di prosciutto crudo o cotto o speck o bresaola oppure 80 grammi di arrosto di tacchino”. Vanno bene anche 4-5 bastoncini di pesce impanati (cotti al forno) oppure g 120 di carne oppure g 130 di pesce fresco o surgelato oppure g 60/70 di formaggio light. “Come contorno si possono mangiare quantità a piacere di verdure crude o cotte, condite con un cucchiaino di olio extravergine di oliva.

cosa non mangiare

In questa dieta, invece, non si possono mangiare patate, legumi e mais”, spiega Migliaccio che concede, però, 40 grammi di pane. A cena si ripete lo stesso schema scegliendo a piacere un secondo a base di carne o di pesce cucinato e condito secondo le proprie abitudini alimentari (non mangiare alimenti fritti e carni insaccate) e accompagnato da un contorno di verdure crude o cotte e da 40 grammi di pane.

SEGUI TUTTE LE NEWS DI SIMPLY RADIO!