Come riconoscere un panettone buono!

COME RICONOSCERE il panettone ARTIGIANALE BUONO!

Ogni Natale lo stesso dubbio, quale Panettone comprare? Ed è meglio il pandoro o il panettone?

Eccoci di nuovo qui: meglio il Panettone o il Pandoro? E soprattutto come riconoscere un panettone buono?

panettone buono

Riconoscere un buon panettone


Farine selezionate, lievitazioni naturali lunghe anche 72 ore, uova di galline allevate all’aperto, burro italiano, uvetta di qualità – magari di Zibibbo di Pantelleria o tipo Malaga – scorze di agrumi biologici trasformate in piccoli capolavori sugosi da pasticceri e confettieri: la differenza c’è, basta saperla riconoscere.

La degustazione del panettone deve essere a fetta intera, non di singoli pezzetti, perché bisogna valutare anche l’equilibrio dalla testa al fondo

panettone

Come riconoscere un buon panettone


Alla vista, la cupola deve essere simmetrica e regolare. Il colore della crosta non deve risultare bruciato o troppo chiaro, la crosta deve essere ben salda. Una volta tagliato, l’ alveolatura deve essere uniforme. Il numero, la dimensione e la densità dei canditi è sintomo di qualità.

Un aiuto importante è la lettura dell’etichetta dove sono indicate origine e percentuali di ingredienti. La data di scadenza è un altro indicatore determinante: più la scadenza è breve, più siamo sicuri che il panettone sia preparato senza conservanti.