MOVIDA A ROMA, NUOVI DIVIETI ANTI-ALCOL

MOVIDA A ROMA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

ARRIVANO I NUOVI DIVIETI ANTI ALCOL. ECCO LE ZONE DI ROMA PIÙ A RISCHIO.

Complice la bella stagione, anche se in periodo di Coronavirus, i romani hanno voglia di movida. Decine di ragazzi con birre e mascherine (spesso sotto il mento) si sono ritrovati in questo weekend. Al Pigneto tra i locali dove ci si stipa attorno ai tavolini o sulle panchine dove tanti giovani si accalcano come se il virus non esistesse. La scena si ripete a San Lorenzo e nei vicoli vicino a Campo de’ Fiori.


La sindaca Virginia Raggi è preoccupata. Tra i cambiamenti attuati ci sarà uno stop all’alcol dopo le 23.

ORDINANZE NUOVE

La Raggi vuole muoversi in raccordo con le altre grandi città italiane. A Torino la sindaca Chiara Appendino giovedì scorso ha firmato un’ordinanza che vieta l’asporto dell’alcol dai locali dopo le 19 e prevede la chiusura dei pub dopo l’una di notte. Una mossa che, a leggere le cronache che arrivano dalla città della Mole, non ha fatto registrare particolari assembramenti. Anche per questo potrebbe essere replicata, magari con orari diversi, dentro al Gra. Si partirebbe dalle zone indicate dai vigili.
«In alcuni quartieri si sono registrate criticità evidenti – racconta il comandante  Antonio Di Maggio – A Trastevere, al Pigneto, San Lorenzo, a Campo de’ Fiori. Abbiamo ricevuto segnalazioni principalmente da queste aree e naturalmente ne terremo conto per le prossime settimane. Nel frattempo invitiamo tutti i gestori dei locali a prestare attenzione e ai giovani vorrei dire: siate responsabili, in gioco c’è la salute, bisogna evitare che i contagi riprendano».

PONTE MILVIO


A Ponte Milvio, dove fino ad una certa ora la polizia disincentivava gli assembramenti, intorno alla mezzanotte di sabato la ressa era aumentata tanto che il normale dispositivo delle forze dell’ordine non era più sufficiente. Ma la situazione più critica si è registrata a Trastevere. In piazza Trilussa, per tutta la sera, c’è stato un presidio di polizia e carabinieri: gli agenti cercavano di invitare il pubblico di giovanissimi a non sedersi a distanza ravvicinata, sugli scalini, ma non c’è stato niente da fare. Una lotta impari, tanto che intorno all’1, il presidio è stato tolto e la movida selvaggia è tornata ad impossessarsi di questa parte di Roma.