ZTL ROMA, COSA CAMBIA DA SETTEMBRE 2020

la Ztl TORNA A ROMA!

COSA CAMBIA NELLA CAPITALE DA SETTEMBRE CON I VARCHI ZTL.

Ritorna ad accendersi la ZTL del Centro storico, del Tridente e di Trastevere, che limitano il transito e la sosta in alcune zone del cuore della città. Le telecamere erano state spente il 9 marzo durante il lockdown.

LE PROTESTE DEI CITTADINI ROMANI


 
I cittadini chiedono il rimborso dei permessi parzialmente non fruiti. Ma, su questo, il Comune sta ancora studiando una soluzione. E i commercianti, dalla Fiepet-Confesercenti alla Cna  si scagliano contro la decisione del Comune di riattivare le Ztl: “Così si uccidono le attività del Centro storico”, dicono a gran voce.

QUALI SONO LE ZONE A TRAFFICO LIMITATO A ROMA?


Sono diverse: Tridente, Centro Storico, Trastevere, San Lorenzo e Testaccio. I varchi, a seconda degli orari, delle giornate e delle stagioni, sono aperti o chiusi in precisi orari, che variano da zona a zona. Quando il varco è attivo possono passare solo coloro che hanno richiesto e ottenuto il permesso, se il varco non è attivo, invece, possono passare tutti. Se si passa quando e dove non si può, si viene multati.
 
 
Il permesso si può richiede anche da casa, tramite uno sportello online sul sito di Muoversi a Roma, oppure via posta, trasmettendo la domanda completa del modulo di richiesta , della copia dei documenti in esso citati e del proprio documento identificativo a Roma Servizi per la Mobilità – piazzale degli Archivi 40 – 00144, Roma. La stessa documentazione può essere trasmessa via fax.

QUANTO COSTA IL PERMESSO ZTL?

Il costo dipende dall’Isee del nucleo familiare. Se è inferiore a 15mila euro, il primo permesso (valido 5 anni) costa dai 94 ai 125 euro, a seconda della potenza/cilindrata dell’automobile e a seconda della sua tipologia. Per gli Isee superiori ai 15 mila euro, arriva a costare anche oltre 1500 euro per vetture a Gpl, metano, ibride ed elettriche-bimodali e quasi 3mila euro per quelle a benzina e a gasolio.